Riccardo Guarnieri e Ida Platano dopo Uomini e Donne: “É giusto così, ci viviamo questa opportunità”

79

Riccardo Guarnieri e Ida Platano coppia nata sotto i riflettori della trasmissione televisiva Uomini e Donne, per la seconda volta stanno ritentando di costruire il loro rapporto.

Dopo una breve partecipazione al Trono Over di Uomini e Donne, dove entrambi stavano tentando di conoscere nuove persone, Ida e Riccardo non hanno nascosto di provare ancora un qualcosa l’uno per l’altro, decidendo quindi di riprovarci ma uscendo dal contesto televisivo.

La coppia sta vivendo quindi la loro relazione, ed ecco giungere la prima intervista di coppia rilasciata alle pagine del Magazine Uomini e Donne.

“…E’ vero, fino a qualche settimana fa ero molto titubante all’idea di ricominciare a frequentare Riccardo. Benché sia cambiato ciò che provo nei suoi confronti perché ci sono delle paure che mi frenano, faccio fatica a credergli e io stessa ho creato un’armatura intorno a me per difendermi da lui. Tuttavia ho deciso di lasciare il programma con Riccardo perché voglio darmi, darci, questa possibilità e ho la volontà di mettercela tutta stavolta. D’altronde io Riccardo l’ho sempre desiderato e, al netto dei miei dubbi, voglio provare a ricostruire qualcosa. Non voglio avere rimpianti perché questo amore che provo nei suoi confronti è sempre stato grandissimo. Ci siamo sentiti ogni giorno, ma ancora non ci siamo visti. lo sarei voluta scendere a Taranto, ma alla fine abbiamo deciso di trascorrere insieme un weekend a Roma, a metà strada. Devo dire che sono più tranquilla, cerco di evitare le solite discussioni anche se quando parliamo è difficile non rievocare il passato e ogni tanto capita. Ho ancora paura, però per Riccardo ho già sofferto tanto e oggi sono più forte proprio grazie al dolore che ho provato, quindi non credo che se non dovesse andare bene soffrirei come in passato. Inoltre sono più serena e sto molto attenta a non dare adito a nessuna discussione. Dopo il programma siamo andati subito via perché io dovevo tornare a Brescia. Riccardo mi ha accompagnata alla stazione e lì mi ha abbracciata: ci siamo promessi di tentare di placare i nostri caratteri così forti e diversi che molto spesso si scontrano. Certo non possiamo cambiare a questa età, ma possiamo modificarci un poco. Riccardo è un uomo bellissimo, super controllato, perfetto. Io lo definisco ‘stirato’. Anche io sono attenta ai dettagli, alla mia estetica, anche se non sono fissata… Io sono più semplice di Riccardo e per questo ogni tanto mi sento inferiore a lui, ma penso che questa sensazione sia un mio tarlo e che lui non abbia nessuna colpa in merito. Il fatto di vederlo super perfetto mi ha sempre fatta sentire a disagio. Soprattutto per alcuni atteggiamenti che a lui non piacevano. Lui è un signore, mentre io sono una donna decisamente più selvaggia e questa differenza a volte non mi ha fatta sentire alla sua altezza, forse per timore di fare delle cose che secondo Riccardo, per il suo modo di vedere, non sono propriamente atteggiamenti consoni a una donna. Gemma in questo lungo periodo mi è sempre stata vicina e ha preso la mia scelta da amica: se io sono felice e sto bene, lei è felice per me e anche io ragiono così nei suoi confronti. Lei è con me in ogni mia scelta, mi ha sempre spronato a seguire le mie emozioni. Lei sa tutto quello che ho passato per Riccardo e devo dire che se non l’avessi avuta al mio fianco sarebbe stato tutto più difficile. Come dico sempre, Gemma è la mia amica del cuore, non potevo trovare amica migliore. Si merita tanto amore perché mi sa dare tanto ed è una persona speciale. E’ da quando siamo usciti dal programma che non ci vediamo. Ci rincontreremo nel weekend perché abbiamo organizzato un romantico fine settimana a Roma”,

fa sapere Ida Platano.

Riccardo Guarnieri dal canto suo, fa sapere che vuole dare una seconda opportunità al loro rapporto:

“Come abbiamo raccontato in studio, noi avevamo semplicemente ricominciato a sentirci, ma senza riaffrontare l‘argomento di uscire dal programma, infatti quando Maria ha chiamato a sé Ida per salutarla io stesso non capivo cosa stesse succedendo. Per questo ero così stupito: è una cosa accaduta sul momento, ma che ovviamente mi ha fatto molto piacere perché io, dopo la lettera, quando ero salito a Brescia, avevo proposto a Ida di andare via dalla trasmissione per tentare di ricostruire qualcosa al di là delle telecamere. E’ giusto così, è giusto che ci viviamo questa opportunità fuori perché non siamo una conoscenza. Abbiamo incominciato a dialogare con molta più serenità. In questi primi giorni è come se ci stessimo un po’ studiando. Sembra strano ma è così, perché comunque siamo entrambi timorosi e non riusciamo ancora a lasciarci andare del tutto. Per ora non abbiamo mai, nelle nostre lunghe telefonate, toccato argomenti del passato che possano creare forti attriti, anche se devo ammettere che qualche battibecco c’è stato, ma per colpa mia perché ho voluto dei chiarimenti su quel che è successo tra Ida e Armando Incarnato. Il nostro desiderio è sicuramente di andare avanti e non di guardare indietro. Ida è decisamente più serena e anche io lo sono. La verità è che io e Ida ci conosciamo e viverci fuori è diverso dal viversi in trasmissione, sono emozioni diverse… Quando tra me e Ida c’è un clima pacifico, di serenità, non abbiamo bisogno di parole. Appena siamo usciti dallo studio è bastata qualche ora e sembravamo essere tornati quelli di un tempo, ci siamo goduti il momento ed eravamo entrambi contentissimi di ricominciare. Ida per me è la donna ideale, io di questo sono stra-convinto. Dobbiamo solo incastrarci, far combaciare i nostri caratteri e il resto arriverà naturalmente. Tutte le promesse che ho fatto a Ida in passato, se riusciamo stavolta a capirci meglio, per me valgono ancora. Io vorrei costruire con lei qualcosa di importante. Io sono certo di ciò che provo per Ida, è quindi naturale che io pensi e speri di poter vivere con lei e costruire una famiglia insieme. Io in 41 anni di vita non ho mai pensato di sposarmi né di fare un figlio con un’altra donna che non fosse Ida. Prima di conoscere lei mai con nessuno ho desiderato queste cose, per questo deve essere più che certa che io pensi veramente di costruire qualcosa d’importante con lei, perché fino a 41 anni non ho mai provato le emozioni che provo. Io l’ho semplicemente fatto nel momento in cui mi sono sentito di farlo. Ho atteso dei gesti, soprattutto da maggio, che non sono arrivati, e poi ho preso coscientemente la situazione in mano nel momento in cui ho visto che ci stavamo allontanando di più, che c’era il rischio di perderci del tutto. Precedentemente la vedevo emozionata e quindi aspettavo da lei una reazione forse sbagliando: non mi bastava vederla lì seduta nel parterre in silenzio. So che questa cosa può sembrare poco carina da dire, ma a tutti noi serve del tempo e anche delle altre frequentazioni per capire. Tuttavia per me Ida è stata sempre Ida: la donna forte, la donna perfetta, in grado di costruirsi una vita da sola. A me all’epoca servivano delle attenzioni che da lei mi mancavano, anche se poi da molti altri versi mi faceva stare bene. Le altre frequentazioni per me non sono neanche paragonabili a Ida. E’ una cosa che si porta dietro da Temptation Island: lo disse in un‘intervista proprio durante Ia nostra esperienza nel reality. È una sensazione che Ida si porta dentro e che ci ha creato anche molti problemi, perché questo suo sentimento alimenta gelosia. Non so da cosa derivi il fatto che lei non si senta alla mia altezza, ma quello che posso dire, o meglio, ribadire, è che io mai per nessun’altra ho provato quello che sento per lei. Per me è sempre stata alla mia altezza, eccome! Non potrei mai immaginare di stare con una persona che non reputi alla mia altezza e le assicuro che non ho mai fatto nulla per alimentare tale insicurezza. Probabilmente lei ha paura di non bastarmi, ma se sono arrivato a pensare di costruire una famiglia con lei vuol dire che mi basta e di questo deve convincersene, deve fidarsi di me e avere molta più fiducia in sé stessa, perché Ida è una persona bellissima, fuori e dentro…”,

chiosa.

Condividi