WeVoz: che cos’è, come funziona e a cosa serve

80

WeVoz risulta essere un social network di nuovissima uscita, vantando soltanto fattezze Made in Italy. 

Il suo punto focale sono la voce e gli audio, per cui altro non è che una specie di Twitter il quale opera soltanto con messaggi vocali. 
Scopriamone meglio le funzioni!

Che cos’è WeVoz?

WeVoz risulta essere un nuovissimo social network il quale si basa esclusivamente sull’invio di messaggi vocali. Il social nasce da una start-up della Sicilia, quale specializzazione è proprio nei vocal content. Da ciò capiamo che si tratta di un social Made in Italy, al quale si può avere accesso da qualsiasi browser ed anche in anteprima scaricando l’app.

Il termine WeVoz altro non è che l’unione fra la parola inglese che noi tutti conosciamo, We, quale significato è noi e quindi noi in quanto comunità, e la parola di origine spagnola Voz, che vuol dire voce. La nuova applicazione arriverà soltanto nel 2022, in quanto rappresentate proprio l’anno della voce.

Gli ideatori hanno infatti voluto sottolineare che la loro intenzione era proprio quella di andare a comunicare e quindi creare relazioni in modo diverso, senza dover necessariamente essere incollati ad uno schermo. 

Come funziona e a cosa serve WeVoz?

Come già accennato, il social WeVoz consente l’accesso da qualsiasi browser e la sua anteprima è disponibile in app. La piattaforma è strutturata in modo alquanto semplice, e quindi facilmente utilizzabile, ciò per quel che concerne la grafica, mentre la sua struttura risulta davvero essenziale.

Con WeVoz gli ideatori si sono lasciati ispirare dalla nota piattaforma Twitter, divenendo dunque un Twitter con voce; gli utenti possono interagire tra loro mediante vox, ovvero dei brevi contenuti vocali, i quali andranno poi a scorrere nella timeline. E’ possibile anche l’attivazione della riproduzione continua dei contenuti, così da non usufruire di continuo della schermata.

WeVoz possiede una tecnologia speech to text, grazie alla quale è possibile trascrivere in maniera simultanea il messaggio audio. Mediante l’aggiunta di tag sui messaggi audio da pubblicare, è possibile che questi vengano indicizzati e poi selezionati attraverso dei filtri di ricerca.

I messaggi audio che si vanno a pubblicare si categorizzano mediante sistema a semaforo. In parole povere, il verde segnala dei voz il quale accesso è possibile a tutti, il giallo segnala dei voz un po’ più delicati, mentre il rosso segnala dei voz aventi contenuti alquanto sensibili il cui ascolto deve essere vietato agli utenti aventi età inferiore ai 18 anni. Secondo l’ultima modalità, i messaggi audio non possono essere riprodotti e neppure letti se non sotto autorizzazione dell’utente.

Condividi