Riccardo Fogli ritorna su umiliazione di Fabrizio Corona: “disonesto fare audience su i dolori altrui”

83

Riccardo Fogli cantante ed ex naufrago del reality show Isola dei Famosi, in un’intervista rilasciata al portale Adnkronos, ha parlato della sua esperienza in Honduras, del legame con alcuni naufraghi ed ovviamente dell’umiliazione ricevuta in diretta televisiva da Fabrizio Corona.

Facciamo un passo indietro: nel corso della sua partecipazione all’Isola dei Famosi, Riccardo viene raggiunto da un video messaggio da parte di Fabrizio Corona, che insinua un tradimento da parte della moglie.

“Ero dentro e non capivo l’entità del dramma familiare che si stava creando, ho una bambina di 7 anni che un giorno prenderà l’iPad e leggerà che qualcuno ha accusato la mamma di aver tradito il papà quando era all”Isola’. Questo è insopportabile e condannabile sotto ogni punto di vista, al di là dell’audience. Non esiste audience sul dolore altrui‘. Se mettono a nudo i fatti della mia famiglia ben venga, se dicono che ho una moglie di 30 anni più giovane è un fatto, se dicono che ho un passato, che mi sono sposato, che ho lasciato i Pooh va tutto bene, ma inventarsi delle cose che fanno male alla famiglia l’ho trovata una cosa disonesta e inappropriata”,

fa sapere Riccardo, commentando l’accaduto.

“È stato molto cattivo, anzi inutilmente cattivo. Sono sicuro che se avesse preso l’aereo e fosse venuto in Honduras, guardandomi negli occhi, non avrebbe avuto il coraggio di dirmi quelle cose. Mi sono sentito usato ingiustamente, non solo io ma soprattutto la mia famiglia. Io pesavo 13 chili di meno e guardavo questo piccolo schermo posto a un metro e mezzo da me, non capivo cosa stesse succedendo, insomma, stai uccidendo un uomo ferito e disarmato e questa è una cosa sleale, ma non voglio andare oltre”,

chiosa Riccardo.

Condividi