Isola Ischia terremoto: crolli ed ospedale Rizzoli evacuato, dispersi

747

Ad un’ora circa dal sisma che ha colpito l’Isola di Ischia, appartenente all’arcipelago delle isole Flegree, della città metropolitana di Napoli, si fa la conta dei primi danni anche se in un primo momento era circolata la notizia che non vi fossero stati danni a cose o persone.

Alle ore 21:57 del 21 Agosto 2017, un sisma di 3.6 della scala Richter ha colpito l’Isola di Ischia, con una profondità di 10 km. L’epicentro del sisma è in mare, a mille metri circa dal Faro di Punta Imperatore.

A Casamicciola in piazza Maio una palazzina abitata è crollata per gli effetti della scossa di terremoto: sul posto sono giunti i Vigili del Fuoco e i soccorsi sanitari. La chiesa del Purgatorio è andata completamente distrutta.

“In Piazza Maio a Casamicciola (Ischia) ci sono case che hanno subito grossi crolli.  Al momento non sappiamo di feriti. Ma speriamo non ci sia nessuno sotto le case che hanno avuto crolli ingenti. Siamo molto preoccupati. La scossa qui è stata avvertita fortissima”

fa sapere il sindaco di Casamicciola, Giuseppe Silvitelli.

Tantissimi gli alberghi, che in questo periodo estivo sono sono affollati di turisti che risultano isolati. Intanto a causa di alcuni crolli di massi risultano vari feriti e alcuni dispersi. L’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno è stato evacuato per la presenza di numerose crepe nel palazzo e a rendere pubblica la notizia è il sindaco di Lacco Ameno, Giacomo Pascale. 

Condividi