Che cos’è l’Autotune? ecco il segreto di tutti i cantanti

72

Risultante essere un software proprietario, ideato dalla Antares Audio Technologies durante il 1997, al fine di alterare l’audio, è l’Auto-tune.

Che cos’è e a cosa serve l’auto-tune?

Codesto da la possibilità di modificare l’intonazione oppure camuffare piccoli sbagli o manchevolezze vocali, sebbene solitamente tenda ad essere adoperato al fine di realizzare caratteristici effetti di distorsione.

L’algoritmo di funzionalità risulta ideato da Andy Hildebrand, ossia un ingegnere elettronico della Exxon e un ex musicista che antecedentemente ideò algoritmi difficoltosi al fine di comprendere i dati riprodotti da un sonar al fine di rintracciare accatastamenti di petrolio. Hildebrand vide che le metodologie al fine di comprendere i dati del sisma tendevano ad essere utilizzati al fine di evidenziare, studiare e cambiare il tono all’interno dell’audio.

L’algoritmo proprio, posto al fine di evidenziare l’intonazione vocale mediante l’utilizzo dell’autocorrelazione, si presentava maggiore rispetto ad antecedenti tecniche che causavano problematicità nel redigere determinate parti vocali dell’uomo, comportando noiosi artefatti sonori.

Gli ingeneri della musica affermavano la ridotta praticità di utilizzo dell’autocorrelazione a seguito del preponderante sovraccarico computazionale stimato, sebbene Hildebrand evidenziò un’agevolazione avente la capacità di abbassare un milione di moltiplicazioni in soltanto quattro.

Durante i primari mesi del 1996 attuò l’algoritmo superficialmente ad un pc Macintosh e durante la seconda metà dell’anno ideò l’esito al NAMM Show, all’interno del quale ebbe grande celebrità.

Data la celebrità, ad oggi vi sono molteplici ulteriori programmi di modulazione vocale, che permettono di operare sulle canzoni e comprendere la maniera col quale parliamo nell’atto della registrazione tracce e video. Ciò nonostante, risulta difficoltoso per un soggetto rifarmi al cambio vocale in maniera differente a differenza di coloro che hanno utilizzato l’Autotune, ossia l’effetto presenta un nominativo e un cognome.

Risulta alquanto essenziale contrassegnare che il software non risulta essere adoperato soltanto al fine di realizzare quell’effetto particolare che ciascun soggetto conosce, sebbene abbiano la capacità di essere compiute differenti composizione.

Difatti, codesto software risulta adoperato al fine di operare sulla voce in una maniera ispessita e leggerissima e risulta essere presente in molteplici canzoni che solitamente sentiamo, soltanto che la compresenza risulta quasi del tutto impercettibile. Nessun artista lancia un disco ovviando l’uso di codesta modificazione vocale, similmente a quanto accade per modificazioni al fine di accostare gli strumenti e completarli con la voce, ad esempio.

Come funziona?

Codesto software dà la possibilità di modificare un audio sistemando dunque l’intonazione oppure nascondere gli sbagli e le imperfezioni vocali. L’autotune risulta utilizzato ulteriormente nel corso delle esibizioni live al fine di realizzare caratteristici effetti di distorsioni.

Lo strumento risulta adoperato da moltissimi artisti, italiani e internazionali, e risulta essere divenuto un vantaggio di un tipo di musica alquanto in voga quale la trap. Tanti sono gli artisti che lo utilizzano e spesso viene utilizzato anche dagli allievi della scuola Amici di Maria De Filippi

Nonostante l’ampio utilizzo del programma, la veridicità risulta essere che le contestazioni risultano essere inquadrate sul suo utilizzo al fine di cambiare eccessivamente la voce, con l’elemento che le canzoni risultano essere una finzione.

Vantaggio risulta essere che la produzione risulta invocata ad operare con soggetti che hanno necessità di eccessivi patteggiamenti in quanto non risultano essere dei validi cantanti, prediligendo un mercato che non è strettamente legato alle potenzialità di un professionista della musica altresì che tenda ad essere ascoltato.

Al di là di questo, risulta vero che l’uso abbia una sequenza di vantaggi e svantaggi che è bene conoscere riguardo al software, al fine di comprendere l’uso improprio oppure valido in determinate situazioni.

Vantaggi e svantaggi

L’auto-tune risulta utilizzato in maniera leggera, agevolando il qualitativo musicale della voce ed ovviando la percezione dei cambiamenti.

Risulta difatti possibile realizzare il noto effetto auto-tune con parametri estremi. In ambo gli esiti vi è un’ampia varietà di audio che risulta possibile realizzare e ideare. Risulta adoperato sotto forma di metodica di espressività artistica, ovviando l’accamuffamento vocale.

Dà inoltre la possibilità di cooperare con un’ampia vastità musicale nel medesimo disco. Si presenta efficiente al fine di conferire espectaculridad in determinati show, presentando differenti ideazioni.

Conferisce, in aggiunta, la possibilità di modificare la voce al fine di permettere di accostarla ad altro. Incrementa la realizzazione di news oppure canzoni quali radio, necessitando di un ridotto lavoro in studio.

L’utilizzo preponderante sta a rappresentare un ridotto affaticamento per quanto concerne il lavoro dell’artista. Al medesimo stato, dà la possibilità ai soggetti che non hanno molto talento di entrare a far parte dei grandi della musica. Naturalmente, è bene conoscere i parametri estremi di codesto plugin al fine di dare alle canzoni similarità.

Chiunque presentano la medesima definizione, che permette di valorizzare la canzone anziché l’armonia, il tono oppure il comunicato da comunicare. Durante l’utilizzo, tende ad essere estrapolato la caratteristica di un impreparato cantante, soltanto utilizzandolo, in quanto si capisce che una vocalità fasulla di stornellare tende ad essere celata.

I falsi diretti si presentano quali musiche alquanto differenti dall’oggetto di un disco, poiché avente la capacità di truffare molteplici discografici.

Condividi